Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

Per la migliore pianificazione di ogni possibile rischio per la tutela della salute di studenti, di altri candidati e del personale della scuola nel corso degli Esami di Stato 2019/2020, si richiede alle SS. LL. di segnalare in via riservata al dirigente scolastico, all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro le ore 9:00 di giovedì 14 maggio c. m., ogni possibile criticità in relazione allo svolgimento in presenza per l'esame di stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per il corrente anno scolastico così come previsto dal D. L. 8 aprile 2020, n. 22, anche in riferimento a condizioni personali di salute.

Per quanto riguarda gli alunni, genitori/tutori affidatari o, in caso di maggiorenni, gli alunni stessi, sono invitati a segnalare in via riservata al dirigente scolastico, all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro il suddetto termine delle ore 9:00 di giovedì 14 maggio c. m., allegando certificazione del medico di base, l’impossibilità allo svolgimento del colloquio in presenza nel caso in cui lo studente si trovi nella condizione indicata dall’art. 3 comma 3 lett. b) del DPCM del 26/04/2020 (Presenza di patologie croniche o con multimorbilità ovvero di stati di immunodepressione congenita o acquisita) o eventuali altre situazioni per le quali il colloquio in presenza possa costituire pregiudizio per la salute e sicurezza dello studente. La medesima comunicazione dovrà essere fornita nel più breve tempo possibile qualora, alla data per il colloquio, ancora da stabilirsi, lo studente dovesse trovarsi in una delle condizioni indicate dal DPCM di cui sopra: art. 1 comma 1, lett. b) sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C); art. 1 comma 1, lett. c) soggetto sottoposto alla misura della quarantena ovvero risultato positivi al virus.