Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

Il Liceo Siotto Pintor accoglie le delegazioni dei Paesi che hanno partecipato al progetto Erasmus+: Portogallo, Slovenia, Romania e Turchia.
Da lunedì 9 maggio fino a venerdì 13 gli studenti di tutte le nazioni e i loro insegnanti hanno condiviso le proprie tradizioni attraverso il ballo e hanno visitato insieme la città di Cagliari e alcuni siti di interesse archeologico.

A organizzare e coordinare le attività di questo importante evento i docenti del team Erasmus+, i professori Fabrizio Orrù, Paola Piro, Evandrina Sanna, Paolo Loi e Loredana Pau, insieme agli studenti della 5^ L. 

Il momento più significativo del calendario è stato il Festival del giorno 11 maggio presso il Teatro "Intrepidi Monelli" di Cagliari, che ha visto la partecipazione dei gruppi folklorici stranieri e locali e dei ragazzi del "Siotto Music".

 

 Il servizio che Videolina ha dedicato al Festival:

E le immagini della serata negli scatti di Giulia Garofalo:

Festival collage 1

Festival collage 3

L'articolo pubblicato da "L'unione Sarda"

Erasmus articolo

 

All'Istituto "Levi Montalcini" di Acqui Terme (Alessandria), studenti e studentesse da tutta Italia hanno parlato di Costituzione per quattro giorni. Questa esperienza ha permesso loro di mettersi in gioco e di conoscere tante persone. Matilde, Laura e Chiara della 4F, Thomas della 2F hanno affermato di aver compreso, nel realizzare il loro lavoro con l'Hackathon, che tutto quel che si fa a scuola non è fine a se stesso, e non si dimentica, anzi, ha consentito loro di accettare la sfida e di concepire un prodotto digitale valido.

Ad accompagnarli e a guidarli in questa espererienza sono state le docenti Lucia Baiocchi e Antonella Casula.

 

 

La nostra delegazione 

Frisali Delegazione

 

Durante questa XI Edizione di "Cittadinanza e Costituzione" ad Acqui Terme si è svolto anche il primo CIVICHACK FRI.SA.LI. WORLD 2022, un Hackathon civico dedicato agli studenti delle scuole, per elaborare soluzioni alternative e creative rispetto ad un tema di rilevanza sociale, quale modalità di cittadinanza attiva e di partecipazione al cambiamento dei territori.
Nella foto, Chiara, studentessa della 4^F, in occasione della premiazione del Team Arancione, da lei capitanato e vincitore dell'Hackathon; accanto a lei, la Dirigente dell'istituto "Levi Montalcini" Sara Caligaris

Frisali Hackathon

         

L'articolo pubblicato sul quotidiano "La Stampa" del 5 maggio 2022  

 Frisali Articolo La Stampa

"Il gioco" (cortometraggio della classe 2A)

Il Gioco Corto 2A Moment

 

 Presentazioni:

"Le piante erbacee del Liceo Siotto" (classe 1A)
"Pensieri di pace" (classe 1C)
"Le targhe della memoria" (classe 1A)

 

Copertina le piante erbacee del Siotto

 

Copertina pensieri di pace

 

Copertina le targhe della memoria

Video conclusivo prodotto dalle studentesse e dagli studenti del corso "Relazioni di genere 2021-2022" tenuto dalle docenti Giulia Garofalo, Raimonda Falchi e Silvia Martelli

 

Genere copertina

 

 

La rete Fri.Sa.Li. World di cui il Liceo Siotto è entrato a far parte nel 2021 ha, attualmente, due branche progettuali in essere, "Cittadinanza e Costituzione nelle arti" e "Storia e Memorie".
Al Seminario di Acqui Terme, che avrà inizio domani 4 maggio 2022, il Liceo Siotto partecipa con una delegazione che si è occupata della nascita del Diritto positivo e del suo conflitto con il Diritto naturale.


La Costituzione attraversi le arti copertina

La costituzione attraverso le arti -Testo.pdf

 

FRISALI Articolo

 

L'articolo in foto è tratto da "Il Piccolo di Trieste", 3 maggio 2022.

 

Dal 9 al 19 aprile 2022 le studentesse Elisa Montis e Erica Barbieri della classe 4D hanno partecipato allo scambio giovanile tenutosi a Zagabria dal titolo "Model EU" appoggiandosi all’associazione TDM2000.

L’Erasmus+ ha visto come temi centrali la politica gestionale europea dell’emergenza pandemica da COVID-19 e della crisi dei migranti. Tramite workshop di approfondimento i partecipanti hanno sviluppato nuove conoscenze e nuove competenze in materia delle strutture europee. In particolare, tale esperienza è stata unita a quella del Model EU: i partecipanti del progetto hanno riprodotto i lavori delle istituzioni europee, simulando la Commissione e il Parlamento europeo, con la possibilità di discutere e negoziare proposte di legge.
Le attività hanno lasciato spazio anche alla visita della città e alla socializzazione tra ragazzi provenienti da Italia, Portogallo, Spagna, Croazia, Polonia, Paesi Bassi, Grecia e Belgio.

Zagabria 1

 

L’esposizione, aperta al pubblico nella prima metà di marzo, raccoglieva una decina di lavori di artisti sardi scelti dagli stessi giovani, in un tripudio di colori e tecniche -dalle ceramiche agli acquerelli, dalla fotografia alle animazioni- dove però il filo conduttore non è stato mai tradito: “In nuce”, come qualcosa che si trova allo stato embrionale, ma si prepara a venire alla luce.

Il comune denominatore tra le due scuole è stata la Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto”. Guidati dalle curatrici della fondazione stessa, Elena Calaresu e Alice Deledda, i ragazzi e le ragazze hanno imparato a organizzare una mostra partendo da zero e scoprendo via via, grazie anche all’intervento di altri esperti, i tanti passaggi (dalla teoria della pratica curatoriale allo studio degli spazi, dallo sviluppo di un progetto di allestimento alla grafica e al disallestimento) che da una semplice idea portano al prodotto finale: l’esperienza culturale del visitatore. Sono stati coinvolti nel laboratorio una decina di studenti e studentesse d’età tra i 16 e i 17 anni. Si tratta di Rosalia Soma, Viola Simbula, Fiorella Spinelli, Chiara Murgia, Elisabetta Pisanu e Francesco. Ad accompagnare i ragazzi in questo percorso sono stati i docenti Monica Cambosu insieme a Italo Montisci.

 In Nuce

 

Il Video di presentazione della mostra "In nuce"  è stato realizzato nell’ambito di un altro PCTO, il progetto "Scuola di giornalismo" che ha visto, sotto la guida di un giornalista professionista, il coinvolgimento di tutte le classi terze. Alcuni incontri teorici hanno introdotto gli studenti al mondo del giornalismo. Successivamente, alcune classi, sulla base di quanto appreso, hanno realizzato dei brevi servizi  giornalistici.

 

Dal 6 al 12 marzo 2022 i docenti Paola Piro, Favrizio Orrù e Evandrina Sanna e le alunne della 5 L asia Piras, Fatima Melis, Gaia Littera e Maria Letizia Cabras hanno rappresentato l'Italia a Bodinj in Slovenia per il progetto ERASMUS+ KA229 "Popular folk dance: a mirror of the national traditions of the minorities". Il progetto coinvolge le scuole di conque paesi: Italia, Turchia, Romania, Slovenia e Portogallo.
Studenti e professori hanno partecipato a diversi workshop di danze tradizionali e di artigianato, hanno sperimentato il Cross Country Ski e hanno visitato il Parco Nazionale di Triglav e e la città di Lubiana

 

       

        


La mobilità 2022 fa tappa a ?????: la capitale della Repubblica Ceca ha ospitato, insieme all'Italia, anche Polonia, Grecia e Turchia. Un programma ricchissimo, tra workshop sulla sicurezza informatica, progettazione autodesk, stampa 3D, laser su legno e tecnologia virtuale, senza tralasciare la visita della città. Tutte le lezioni sono state tenute dagli studenti del Liceo Tecnico di Praga, secondo la metodologia della "Flipped Classroom".
Nel team del Siotto, insieme ai docenti Paola Piro, Fabrizio Orrù e Paolo Loi, anche quattro studentesse della 3^C, Beatrice Acca, Laura Carta, Beatrice Rita Meloni e Maria Francesca Muroni.

 

Erasmusplus

 

 

 

Ecco il cortometraggio realizzato dalle alunne e dagli alunni delle classi 5A e 5C del Liceo Siotto nell’anno scolastico 2018-2019, nell'ambito del progetto "Cinemadaragazzi" curato dal professor Italo Montisci.
Nel corto, il cyberbullismo è usato come arma di ricatto da parte di un partner violento e possessivo. La vittima si salva grazie alla vicinanza ed al sostegno degli amici.